Chi siamo

Chi siamo

Share Button

Il giro del mondo in famiglia con dei bambini?
Si può anche senza miracoli.

Nel Giugno 2015 vendiamo le nostre due auto, affittiamo per un anno la casa in cui abitiamo, riempiamo quattro zaini e partiamo con una sola certezza fare il giro del mondo e tornare a casa dal lato opposto della cartina geografica

Siamo italiani, non che questo sia patriotticamente rilevante ma è importante perché dei tanti blog di viaggiatori, pochissimi sono quelli che parlano Italiano e che guardano i posti che visitano da italiani, meno ancora quelli di famiglie in viaggio. Ad essere completamente onesti ci sentiamo più Europei o Sud Europei se proprio proprio bisogna scegliere un area. Comunque questo ci caratterizza soprattutto per quanto riguarda la lingua che abbiamo usato per parlare con gli altri, i codici applicati per decifrare, confrontare e comprendere ( o non comprendere).

In fondo un viaggio è essenzialmente questo; vedere cosa si fa in Laos che non si fa in Italia o vedere come diversamente si fa nei due posti una stessa cosa.

Noi questa cosa la facciamo con una serissima leggerezza. Ridendo di noi, degli altri, dei confronti inevitabili senza la presunzione di proporvi il meglio o il peggio. Quattro antropologi dilettanti un po’ seri un po’ no.

 

RAFFAELLA: cambogia - Kampot lumix (29)_1280x719Ho quarant’anni, quando partiamo, sono nata e cresciuta in una piccola città dell’Emilia,Ferrara da dove sono partita e poi ritornata. Ho lavorato nel turismo per 14 anni, prima in Francia poi in Italia a Roma. In questi anni ho fatto viaggiare ed accolto tantissime persone. Mi considero estroversa, adoro scoprire nuovi posti e mi piace “chiacchierare” con il mondo. Nei tre anni prima di partire sono cresciuti in me sempre più il desiderio di avventura vera così quando Giordano ( che in viaggio è diventato anche marito ) mi ha chiesto: “Facciamo il giro del mondo?” la risposta :”Si!”. è uscita quasi da sola.

Quando abbiamo detto ai bimbi che saremo partiti per un anno, abbiamo preso un planisfero e ognuno di noi ha indicato un posto dove sarebbe voluto andare. Da li è incominciato il nostro viaggio…

In corsa sul treno fermo
In corsa sul treno fermo

GIORDANO: Sono un papà e credo sia l’unico titolo che mi interessa veramente.Alla partenza 41 anni. Lungi dall’essere un perfezionista sono spesso travolto dalla irrequietezza dello scoprire “cosa c’è oltre la collina” così in quei momenti in cui la curiosità di una nuova cosa mi assale mi trovo a far ricerche è progetti dettagliati diventando per alcuni giorni un grande esperto della materia in questione. Quando queste “scintille” incontrano anche l’interesse di Raffaella bastano pochi soffi per trasformarle in incendi che rappresentano i grossi cambiamenti della nostra famiglia.

Così ho messo in pausa la mia quotidianità di tecnico dell’immagine per affrontare questo viaggio senza mete precise in mente.

IMG_20160218_182155_720x960

MAEL: Mi chiamo Mael, il mio nome è Bretone e io sono un italiano nato in Francia. Alla partenza ho quasi 9 anni. Sono un bambino un po’ birichino. Mi piace giocare con i videogiochi, mi piace vedere i film di robot e vado a scuola a Ferrara. (ma in viaggio mi porterò dietro la scuola)

Volevo vedere i vulcani in Cile e li ho visti, mangiare le cavallette a Bangkok e NON le ho mangiate, e poi vedere con cosa giocano i bambini nei paesi poveri.
E’ stato un anno strepitoso e strano pieno di cose strane.

Instagram-512seguimi anche su Instagram Mael

 

laos - Gibbon exp (50)_1024x575

MAX: Mi chiamo Max alla partenza avevo 11 anni  ed ero appena stato promosso in 2°media. Sono vivace, mi piace giocare con i videogiochi e sono appassionato di quasi tutti gli sport. Non mi sembra vero di aver fatto il giro del mondo! Sono felicissimo, ripenso alle avventure che mi sono successe e già pianifico il mio prossimo giro del mondo con mio fratello.

                                                                                 Instagram-512seguimi anche su Instagram Max

0 comments on “Chi siamoAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *