Puerca la vaca! – Carretera Austral Patagonia

http://4azonzo.com/puerca-la-vaca-carretera-austral-patagonia
Share Button

cartelloIn spagnolo “Puerca la vaca!” Non significa molto, anzi nulla ma noi ci capiamo. Dormire in un letto vero non ha prezzo e avere qualcuno che ti prepara la colazione anche. Partiamo pieni di energia da Coyhaique, in fondo, a modo nostro, la tappa di ieri l’abbiamo vinta. La vendetta della Carretera però è appena fuori città. Non abbiamo ancora lasciato indietro le case che già una mega salita si presenta sperando di abbattere il nostro morale. Ne incontreremo ancora un bel po’ perché per raggiungere El Blanco, nostra prossima tappa approssimativa, dobbiamo superare il Colle Sanata Maria che è a 900mt d’altitudine ed ora siamo a 300. Oggi è davvero dura e il pensiero va agli amici veri ciclisti che si mangerebbero queste salite… noi, invece, spesso dobbiamo scendere e trasformare le nostre bici in carriole che spingiamo su.

Il cartello più comune che incontriamo

Il cartello più comune che incontriamo

La salita è lunga, un dolore lieve ma continuo, la discesa un sollievo e a volte anche divertente ma troppo breve. Una metafora della vita che i malati della bicicletta usano spesso e che ora anche noi comprendiamo.

Dal diario di Mael: “..l’aria era buona da respirare ma le salite non ti facevano respirare.”

Per affrontare la salita bisogna avere lo spirito della sfida una cosa che i bambini non hanno. Da bambini si gioca e, giustamente, la fatica la si evita. Adolescenti però la si impara, il gusto di affrontare con spavalderia cose più grandi di noi e magari anche di vincerle. Sarà per questo che Max guida davanti a tutti, spinge in piedi sui pedali per aspettarci in cima alla gobba pronto per la discesa. Per Mael è diverso passa da – BASTA! BASTA!- all’incoraggiarci tutti mentre canta -Parpignol, Parpignol,Parpignoool! – Su per una salita.

La giornata attorno è davvero grandiosa e le nuvole lontane su Puerto Aysen confermano la meteo di 2 giorni fa, sopra di noi c’è sole e molto vento. Il vento per fortuna è dietro , ragione principale per cui abbiamo deciso di scendere da nord a sud e non viceversa. Alle 2 è ora di pane, formaggio e tonno con vista sulle montagne con un poco di neve e campi di balle di fieno.

basta basta

Per Mael è diverso passa da – BASTA! BASTA!- all’incoraggiarci tutti mentre canta su per una salita.

Ancora 2 salite davvero lunghe e al limite della nostra fatica, la discesa per fortuna, è lunga anch’essa. Lunga abbastanza da far sbandare le ruote delle bici per la velocità così l’euforia di quella spinta ci porta fino a El Blanco vero Far West della Patagonia. Casette di legno, un minuscolo Museo del Mate ed il campeggio. Lo cerchiamo finché non ci indicano un cartello tondo con scritto a mano CAMPING. E’ una pineta vicino alla foce del Rio Simpson e nulla più. Per noi però è un’altra meta raggiunta e 120km rubati alla Carretera. Non avremo performance da atleti ma siamo fieri come non mai.

Un fuoco e 8 salcicce di Chorizo sono il nostro premio. Il vento soffia forte tutta la notte ma noi crolliamo dal sono. Domani ancora strada.. seguiteci.. ma piano piano.

 

12 Comments

  1. GIOVANNA MORELLI

    febbraio 20, 2016

    la maledetta carrettera la ricorderete per la vita,le vette per raggiungerle sono sempre molto ardue.Coraggio e complimenti a Max che pedala e canta malgrado la fatica.adelantes muchacios.

    • mael morelli

      febbraio 20, 2016

      si ma Max quando canta in salita è stonatissimo…

  2. Lorenzo Ricchieri

    febbraio 20, 2016

    Grandi noi dopo aver letto le vostre avventure ci é venuta voglia di andare in montagna e , visto che siamo dei veri Montanari ci facciamo portare gli sci sulle piste non vediamo l’ora di vedervi tornare ci mancate i complimenti a max che canta e pedala coppa per il coraggio.

  3. Cesare Zappaterra

    febbraio 20, 2016

    Max e Mael siete i veri eroi di questa avventura, Papa e mamma devono essere orgogliosi di voi .BRAVI

    • mael morelli

      febbraio 20, 2016

      e anche noi dovremmo essere orgogliosi di loro!
      perchè sono genitori coraggiosi

  4. lella morelli

    febbraio 20, 2016

    ….un altro giono superato e altri km. Ce la farete!!!!!!

    • mael morelli

      febbraio 20, 2016

      zia non ce la faremo perchè è solo salita!!!!!!!

  5. Pinuccia

    febbraio 20, 2016

    Non avevo dubbi siete fortissimi forza Mael
    Max campione di salita ‍‍‍

    • mael morelli

      febbraio 20, 2016

      e io sono campione di discesa!
      Anche se ce ne sono poche… 🙁

  6. Sarah

    febbraio 20, 2016

    Il traguardo voi lo avete raggiunto nel preciso istante in cui avete deciso di intraprendere questa meravigliosa avventura. Ciò che state vivendo assieme, è il vostro premio!
    Fantastici.

    • mael morelli

      febbraio 20, 2016

      grazie

  7. tullio

    febbraio 20, 2016

    Ciao sono Tullio,
    mi piacerebbe sapere cosa assagiate li….
    e mi piacerebbe anche che quando tornate mi portate qualcosa di strano che posso assagiare anche io. Spero che la bici di max é aggiustata.
    Vi auguro una buona pedalata e spero di vedervi presto in Italia.
    Ho voglia di vedervi…

Comments are closed. ×

Share Your Thoughts