Budda contro Predator e il MoonWalk

Budda contro Predator e il MoonWalk

http://4azonzo.com/tempio-bianco-wat-rong-khun-o-budda-contro-predator
Share Button

Il Tempio Bianco ( Wat Rong Khun )tempio bianco

Si trova 15 km fuori Chiang Rai è molto recente e già famosissimo è l’opera di diversi artisti  thai ma in particolare di un certo Kositpipat che ne ha anche approfittato per creare un luogo dedicato al culto di se stesso. Infatti c’è anche un museo delle sue opere e di vari oggetti della cultura Pop Thai degli anni tra il 60 e il 90 che lui stesso ha raccolto.
Nel 2006 qui ci fu un grosso terremoto e il vecchio tempio divenuto pericolante era da demolire, non c’erano però soldi per ricostruirlo così Kositpipat famoso architetto, pittore e scultore si ricorda della città dove è nato e fa della ricostruzione la sua ossessione spendendo fino ad oggi 1 milione di euro di soldi suoi più tutto quello che riesce a raccogliere, nella speranza che ciò gli porti la vita eterna.
Torniamo al tempio bianco ed entriamo insieme. Dalla strada lo si vede, a differenza dei wat classici che hanno un muro di cinta o sono su una collina questo  è a bordo strada e circondato dall’acqua. C’è un ingresso con dei tornelli per contare le persone e prima di questi vi accoglie un Predatorpredator dimensioni reali che esce dalla terra di mezzo busto. Per chi non è appassionato di fantascienza e filmacci,Predator è un mostraccio alieno di 2 metri viscido e muscoloso con la passione per la caccia all’essere umano. Ne sbudellerà a decine e solo un duro come l’ex governatore della California col nome krukko sarà in grado di dargliele indietro.
Già questo è sorprendente, ricordate che stiamo entrando in un tempio? Subito dentro un cartonato di un uomo sorridente ci saluta con la mano è appunto il sig. Kositpipat. Poco più in la, seduto su una panchina si incontra un altro Predator che ci aspetta per fare una foto insieme. Questo è meno minaccioso del primo e anzi, vestito con una divisa di paillettes starebbe bene a ballare su un carro della Gay Pride, una specie di alieno molto meno macho di quello del film.

thai - white temple LUMIX (1)_1024x575
Si accede al tempio da un lungo ponte davanti al quale delle mani spuntano, inquietanti, dalla terra come se avessero squarciato l’inferno, si tendono verso l’alto come per afferrarvi e tirarvi giù o nella speranza di essere tirate su. Un sola è diversa, chiusa a pugno tranne per il dito medio alzato e con uno smalto per unghie rosso a sottolineare il gesto ormai universale.

Smalto rosso, gesto infame
Smalto rosso, gesto infame

Due demoni bianchithai - white temple LUMIX (6)_1024x575 vi ammoniscono ai lati del ponte e tra bianco, ghirigori e specchietti si arriva alla sala dove c’è la statua di Budda che qui passa in secondo piano. L’attrazione vera è la parete opposta che non si può fotografare e che io ho rubato con la piccola GoPro per non farmi vedere, mi scuso ma era davvero irresistibile, infatti sulla parete ci sono una serie di disegni che potrebbe aver fatto un graffitaro e tra personaggi mitologici ed altri irriconoscibili c’è anche Michael Jakson, Doeraemon, Superman,Kung Fu Panda, Jabba di Guerre Stellari, le torri gemelle dell’11 Settembre in fiamme, astronavi. E’ un delirio di cultura Pop dove non c’è nemmeno uno straccio di Budda, della sua vita o altro, insomma qui il messaggio è … ma che cacchio di messaggio è ?20150723_152118_1024x768_1024x768

DCIM117GOPRO
Eppure c’è anche un monaco nei paraggi. Questo è un tempio vero e scopriamo che è un tempio Buddista e Induista.
Buddista e Induista? Ma non erano 2 religioni diverse?
Una venera degli dei con la faccia da elefante e tante braccia, l’altra un signore buonissimo e tanto saggio.
Capisco sempre meno ma questa follia giocosa, seria e irriverente tutto insieme mi colpisce tanto.

I cessi d'oro
I cessi d’oro

Tanto quanto i cessi del tempio, un edificio alto quanto il tempio stesso tutto dorato davanti al quale la gente si prende in foto. Voi l’avete mai fatta la foto davanti ai cessi di S. Pietro a Città del Vaticano?

In posa davanti al WC
In posa davanti al WC

Vaghiamo nel parco tra decine di migliaia di ex voto e teste grottesche appese a gli alberi, un divieto di fumare allucinante attira i ragazzi che corrono a chiamarmi, qui è tutto esagerato.
Kositpipat ha 60 anni e dice che i lavori termineranno nel 2070, un grande ottimista, da qui ad allora dovrò sicuramente tornare per vedere quali altre follie si sono inventati lui ed i suoi collaboratori.thai - white temple LUMIX (25)_1024x575thai - white temple LUMIX (27)_1024x575

Un altra cosa che salta agli occhi rispetto agli altri wat thailandesi. Una cosa che qui non c’è, è il denaro. A differenza di tutti quelli visti fin’ora, qui non si paga un ingresso, non ci sono candele da comprare, urne per le offerte, monaci che dispensano buona fortuna e benedizioni a pagamento ne ciotole di monetine. L’offerta è ben accetta ma rifiutano tutte quelle superiori a 10000 Baht per non essere influenzati da eventuali grandi benefattori.
Forse il posto più genuino e religioso che abbiamo incontrato è proprio quello in cui c’è Michael Jakson che fa il suo famoso moon walk sul muro del tempio mentre di fronte Budda lo guarda sorridente e beato e chissà che non sia proprio questo il messaggio.

thai - white temple LUMIX (1)_1024x575

Ora ce ne ritorniamo in città, domani mattina prendiamo un Bus che ci porterà sulle rive del mitico fiume Mekong da li con una barca attraverseremo e una volta di là saremo in Repubblica Popolare Democratica del Laos un piccolo paese che è una delle ultime democrazie con un partito solo.
E voi naturalmente … seguiteci.

7 comments on “Budda contro Predator e il MoonWalkAdd yours →

Comments are closed. You can not add new comments.

  1. Sarà la mia frequentazione con Barcellona ma come non associare i deliri di Gaudi e la costruzione senza fine della sagrada famiglia? Buon proseguimento…..

  2. Sarò strana ma a me il tempio bianco piace da impazzire!!! Anche far pipì in un mega WC tutto dorato deve avere il suo fascino. Kositpipat è fuori come un balcone eppure ha il suo perché…perché???

    1. Bhè anche noi ci abbiamo pensato su un bel po’ .. ecco perchè Raffi ha messo altre foto su FB. Il posto è davvero strambo.

  3. Bel racconto anche questo! Una stranezza dietro l’altra per un tempio ma…non saremo noi troppo strani nella nostra normalitá..! Bravi e non stancatevi di raccontarci! Baci